Roma 2003 | Intersteno Italy | Internet contest
 
 


15 luglio

16 luglio

17 luglio

18 luglio

19 luglio

20 luglio


1
2
3
4
5
6
7
8

Di Paolo A. Paganini

Un bel colpo di teatro, di perfetta regia, ha allegramente colto di sorpresa i più di cinquecento congressiti, convenuti da tutto il mondo; i quasi trecento concorrenti e il folto pubblico di appassionati e di autorità che gremivano la sala congressi dello Sheraton (un particolare nella foto 7) alla inaugurazione della 44a  edizione dell’Intersteno. Mentre il Quintetto d’archi “Rag” si esibiva in virtuosistiche tessiture classiche  e moderne e su un maxi schermo scorrevano le immagini del CD sulla scrittura, edito dalla Fondazione Giulietti e dalla casa editrice Giunti, ecco improvvisamente emergere dalle nebbie della Storia niente di meno che Marco Tullio Tirone, inventore della stenografia,  liberto di Cicerone (disinvoltamente interpretato da Gian Paolo Trivulzio - foto 1 - presidente del comitato organizzatore dell’Intersteno), che, in un latino non sappiamo quanto ciceroniano, ha dato un tocco di paludata ironia a questa imponente inaugurazione, portando simbolicamente dall’antichità del Foro imperiale il saluto beneaugurate di tutti gli organizzatori ai delegati qui convenuti da ogni parte del mondo, dall’Australia, dalle Americhe, da quasi tutta l’Europa, per celebrare la scrittura, base e strumento di ogni civiltà.

Entrando quindi nell’ufficialità della cerimonia inaugurale, trasmessa in diretta via Internet dalla Fondazione Bordoni, Ministero della comunicazione, alle 16.15, ha preso quindi la parola Danny Devriendt (foto 2), Segretario generale dell’Inrtersteno, che ha messo in evidenza il rapporto ripresa del parlato e nuove tecnologie, porgendo quindi il saluto ufficiale ai rappresentanti delle varie nazioni qui convenuti.

Quindi Fausto Ramondelli, presidente dell’Intersteno, ripreso con stupefacente precisione e velocità dall'operatrice di Stenotype Italia tramessa su grande schermo (foto 6), ha dichiarato ufficialmente aperti i lavori congressuali, ringraziando a sua volta i rappresentanti dei cinque continenti e ricordando i grandi Maestri, oggi non partecipanti, dei quali ha voluto riconoscere il loro alto magistero: Flaviano Rodriguez, Angelo Quitadamo, Maria Mezzatesta, Andrea Innocenzi, ai quali è arrivato l’applauso dei presenti.

Gianni Borgna, assessore alla politica culturale del Comune di Roma (foto 3), ha quindi portato i saluti del sindaco Veltroni, elogiando i lavori programmatici previsti nel calendario delle varie giornate, sottolineando che l’Intersteno è oggi il simbolo della comunicazione globale e della velocità, in sintonia con le grandi trasformazioni tecnologiche.

Subito dopo è stata chiamata sul palco e premiata Walther Gertraud, la più anziana partecipante del congresso (foto 4) e uno dei concorrenti più giovani (Milos Cernilovsky, foto 5).

Gianluca Formichi, presidente della Fondazione Giulietti, ha successivamente ricordato come la “Rivista degli Stenografi”, tuttora edita dalla Fondazione, sia stata una antesignana della stenografia, essendo nata nel 1877, dieci anni prima che nascesse a Londra l’Intersteno. Ha orgogliosamente celebrato il primato di Roma, nel segno della tradizione e del rinnovamento.

Infine il semiologo Ugo Volli, dell’Università di Torino, ha tenuto il discorso ufficiale, tracciando un ampio e articolato disegno sul valore della scrittura, anche in tempi così esasperatamente rivoluzionari da un punto di vista tecnologico, ma riconoscendo, in ultima analisi, alla scrittura tradizionale, qualunque sia lo strumento utilizzato, l’unico insostituibile segno della nostra traccia terrena, per non venire sopraffatti dalla civiltà dell’immagine.

Negli interventi successivi, Suzette Mager ha dato una sbalorditiva dimostrazione di scrittura attraverso il riconoscimento vocalico in real-time; e Sergio Laliscia, a nome e per conto della Ditta svedese Anoto (che si avvale anche dell’apporto societario di altri colossi della comunicazione) ha fornito una sbalorditiva dimostrazione di come, attraverso una speciale penna e su un foglio minuziosamente millimetrato, sia possibile trasferire il nostro pensiero via Internet o via telefono cellulare.

Alle 18.20, dopo i saluti e i ringraziamenti ai vari sponsor, si è chiusa con un drink la giornata inaugurale.

Nella foto 8: vari delegati del Congresso e componenti delle giurie.

Martedì 15 luglio 2003
Liceo Vivona
ore 08.30 Gara Multilingua Svedese
ore 10.00 Gara Multilingua - Slovacco
ore 11.30 Gara Multilingua - Latino

Centro Congressi Sheraton-Roma
08.30 Apertura del Centro Congressi. Saranno operativi i banchi di ricevimento della  segreteria e l'agenzia di viaggi
13.00 Riunione dei membri delle giurie internazionali
16.00 Cerimonia di inaugurazione:
“Il Rinascimento dell’Intersteno: dalla scrittura veloce alla resocontazione multimediale”
  • in questa sessione il prof. Ugo Volli, docente di filosofia del linguaggio e semiologo all'Università di Torino, ci intratterà sul tema: "La scrittura nella società multimediale"
  • il riconoscimento del parlato: la sottotitolazione in real-time e la diffusione in Internet(Chad Theriod - Audioscribe - Usa)
  • la chat pen per i resoconti a distanza (Sergio Laliscia - Anoto co. - Svezia - Sistematica di Terni).


Contents copyrighted © by Gian Paolo Trivulzio except where otherwise noted.
Interface entirely developed and copyrighted © 2002-2022.
All rights reserved.
In loving memory of Gian Paolo Trivulzio.