Roma 2003 | Intersteno Italy | Internet contest
 
 


15 luglio

16 luglio

17 luglio

18 luglio

19 luglio

20 luglio


Di Paolo A. Paganini

Il futuro è già fra noi. Fino a non molti anni fa, era ancora fantascienza. Ricordo un incontro stampa con il presidente della Sony, di passaggio a Milano, non più di quindici anni fa. Fra le tante domande che gli venivano rivolte, una era abbastanza insistita. Volevamo conoscere i programmi del colosso multimediale in fatto di riconoscimento vocale. A che punto era la ricerca? La risposta, tra il gentile e il rassegnato, era di assoluta sfiducia. Chi sa mai quando e se mai sarebbe stato possibile arrivare a dei risultati soddisfacenti.

E, invece, oggi, eccoci qui, a decantare le meraviglie di un futuro che è già fra noi. Abbiamo visto, in questi giorni, meravigliose ed incredibili prestazioni con le tecniche del riconoscimento vocale. E abbiamo visto le portentose performance di adorabili “mostri” dalle dita agili e veloci, sfiorare le tastiere delle macchine stenotype, strappare ai più veloci oratori il primato della parola, restituendola alla vita della carta.

In un’ideale arena di primatisti della velocità, abbiamo quindi saggiato nella realtà i prodigiosi traguardi, ai quali sono oggi pervenuti i ricercatori delle varie case produttrici di macchinette per abbattere il muro del suono “vocalico”. Così abbiamo visto l’americano Daniel P Glasman, in coppia con l’italo-americano Umberto Lenzi, presentare e dimostrare i prodigi tecnologici della Word Technologies in merito ai “Perfezionamenti nelle tecnologie di trascrizione in tempo reale”. Lenzi ha poi concluso con un affascinante invito: “Se sapete lavorare bene, venite negli Stati Uniti. C’è lavoro per tutti, e molto ben pagato, in una professione  molto prestigiosa. La vostra abilità sarà apprezzata da milioni di persone!”

Quindi Marcello Melani della Stenotype Italia ha parlato di “Lingua e stenotipia”, descrivendo le tappe dell’avventuroso sistema, che prende il suo nome, per arrivare, oggi, a quei brillanti risultati, riconosciutigli da migliaia di operatori, che impiegano il suo sistema di successo.

John Wenclawsky, di Chicago, della Speche Communications, nel trattare il tema “La diffusione dei discorsi in tempo reale”, ha dimostrato praticamente i prodigi di Internet, sul binario d andata e ritorno, Roma-Chicago-Roma.

Carlo Aliprandi, della società italiana Synthema, con il tema “Sistemi professionali distribuiti e multilingua per trascrizioni con riconoscimento vocale”, ha dimostrato come anche la nostra nazione non sia seconda a nessuno per alta tecnologia e creatività.

Andreas Sudler, del Parlamento federale svizzero, parlando di “Diffusione in Internet (quasi in tempo reale) dei resoconti delle sedute assembleari”, ha voluto mettere in evidenza come, anche in un ambiente obiettivamente difficile, per la varietà delle lingue parlate, le nuove tecnologie si siano egregiamente messe al servizio dell’uomo, arrivando quasi alla sostituzione del materiale cartaceo con il Cd-rom e, ora, anche con il DVD.

Prima di Detlef Peitz, del Parlamento federale tedesco; di Josef Stehling, del Parlamento regionale della Bassa Sassonia; e di Maria Luisa Corti Crippa, consulente e docente milanese, Fabio Angeloni, del Senato italiano, con “La trascrizione computerizzata dei resoconti d’Aula e delle Commissioni: l’esperienza del Senato italiano”, vasto e articolato intervento sulla complessa professionalità degli stenografi con l’antica e gloriosa Michela, ha percorso l’affascinante mondo della “logolatria”, curioso neologismo, che spiega le entusiasmanti “pazzie” di tanti operatori della parola. Il suo intervento è servito anche ad introdurre e preparare spiritualmente alla visita del Senato italiano, da parte del fitto gruppo di resocontisti dei vari Paesi mondiali, che, guidati dalla competenza e dall’entusiasmo di Fausto Ramondelli e di Beatrice Gianani, dell’ufficio resocontisti del Senato, sono potuti penetrare – con commozione – nel suggestivo, glorioso empireo del nostro passato, fra le sempre vive pagine scritte dai Padri della Patria, di cui trasudano le magnifiche stanze del Maccari e l’austera Aula del Senato.

Venerdì 18 luglio
  Resocontazione ed e-government - Conferenze e workshop
9:00 - 9:40
Daniel P. Glasman WordTechnologies Perfezionamenti nelle tecnologie di trascrizione in tempo reale.
9:40 - 10:20
Marcello Melani Stenotype Italia Lingua e stenotipia.
  Coffee Break
10:50-11.30
John Wenclawsky Speche Communications La diffusione dei discorsi in tempo reale.
11:30-12.00
Carlo Aliprandi Synthema Soluzioni basate su tecnologie del linguaggio naturale per la trascrizione posticipata e in tempo reale.
  Pausa pranzo
14:00-14:40
Andreas Sidler Parlamento federale svizzero. La diffusione in Internet (quasi in tempo reale) dei resoconti delle sedute assembleari.
 14:40-15:20
Fabio Angeloni - Paolo Michela Zucco Italian Senate La trascrizione computerizzata dei resoconti d'Aula e delle Commissioni: l'esperienza del Senato Italiano.
 15:20-15:40
Detlef Peitz Parlamento federale tedesco - Berlino L'impatto della veloce publicazione dei resoconti sui mass-media.
  Coffee break
16:10-16:30
Josef Stehling Parlamento Regionale della Bassa Sassonia - Hannover La stenografia e il riconoscimento del parlato nella resocontazione parlamentare.
16:30-16:50
Maria L. Corti Crippa Consulente, insegnante - Milano Diventa reale il sogno di ogni resocontista: il telelavoro.

17:15 Trasferimento dei membri dell'IPRS e del Comitato Centrale per il ricevimento presso il Parlamento.
20:30 Cena Ufficiale del Comitato Centrale


Contents copyrighted © by Gian Paolo Trivulzio except where otherwise noted.
Interface entirely developed and copyrighted © 2002-2022.
All rights reserved.
In loving memory of Gian Paolo Trivulzio.